Internet wifi per luoghi pubblici a costo zero

letto 1560 voltepubblicato il 05/06/2015 - 12:28

Internet è entrata nella vita di ognuno di noi tanto da diventare un canale di informazione e comunicazione preferenziale. La necessità di avere internet in ogni luogo è al giorno d’oggi una necessità. Ecco che soluzioni WiFi sono da preferire in tutti quei luoghi pubblici in cui è importante poter usufruire di un canale di ricerca e di informazione. La soluzione internet WiFi deve essere semplice e sicura e tale da permettere di fornire l'accesso ad Internet WiFi ai propri utenti, senza preoccupazioni tecniche e burocratiche, e con un costo limitato rispetto al ventaglio dei prezzi presente sul mercato. La soluzione che vi sto a presentare è una soluzione a costo zero dal punto di vista implementativo mentre a basso costo dal punto di vista della banda. In pratica come provider che fornisce la banda possiamo utilizzare qualsiasi provider commerciale scegliendolo in base ai costi ed alla banda che forniscono. La soluzione che vi presento può essere utilizzata in luoghi pubblici come biblioteche, musei, pinacoteche, stazioni, fermate dei bus ecc…

La prima cosa da realizzare è creare un hotspot WiFi, per far ciò va innanzitutto installato il firmware DD-WRT open source sul router wireless sostituendolo a quello originale del dispositivo, in questo modo verrà ottimizzato il router sfruttando tutte le sue potenzialità al massimo trasformandolo in un punto di accesso pubblico. Per applicare il firmware DD-WRT al router bisogna accertarsi che quest’ultimo sia compatibile con il software. Niente di complicato basta collegarsi al sito ufficiale di DD-WRT e consultare la lista dei router compatibili con il firmware, il router va scelto tra quelli compatibili al 100%. Una volta appurata la compatibilità del router con il firmware DD-WRT, scarichiamo quest’ultimo e installiamolo sul router. Le modalità d’installazione del firmware cambiano da router a router, quindi bisogna seguire le indicazioni che si trovano sul sito di DD-WRT. Effettuata la sostituzione del firmware dal router, registriamoci su HotSpotSystem, un servizio online gratuito (con piani a pagamento per chi vuole creare hotspot WiFi a pagamento) che si integra con il firmware del router e permette di creare una schermata di benvenuto per chi si connette all’hotspot WiFi a cui è associata. I piani sono gratuiti o a pagamento a secondo dell’esigenza che si vuole e dell’utenza. Ma va detto che i piani a pagamento sono a basso costo coem possiamo notare andando sul sito web del servizio. Il piano gratuito si chiama Hotspot SPLASH. Un passo obbligatorio prevede la segnalazione di HotSpotSystem sul proprio profilo Twitter. A questo punto, compilando il modulo che viene proposto con i dati del posto in cui va installato l’hotspot WiFi e proseguendo nella procedura compilando un altro modulo in cui và specificato nome utente e password per accedere al servizio (il nome utente sarà compreso nell’URL della pagina di benvenuto dell’hotspot WiFi). Quando si è compilato il tutto, cliccando su Submit si effettuerà immediatamente il login al servizio usando i dati scelti in precedenza per personalizzare tutti gli aspetti della splash page del proprio hotspot WiFi.

A questo punto non rimane che completare l’opera e collegare il firmware del router ad HotSpotSystem. Senza bisogno di alcun pc ma solo di un router WiFi abbiamo il nostro hotspot WiFi personalizzato con tanto di schermata di benvenuto ed a costo zero. Gli unici costi sono quelli del servizio di rete fornito dalla nostra compagnia telefonica che fornisce l’accesso alla rete che abbiamo scelto.