Cosa è il populismo?

letto 1973 voltepubblicato il 21/04/2017 - 18:12 nel blog di Alfredo Amodeo

Uno spettro si aggira per l’Europa e per l’occidente tutto. Con la complicità della crisi economica e politica fatta di tagli allo stato sociale, immigrazione crescente, crisi dell’euro e posti di lavori fuggiti all’estero, i partiti populisti hanno guadagnato terreno un po’ovunque. Eventi come l’ascesa del Front National a primo partito francese nel primo turno delle elezioni regionali (autunno 2015), il clamoroso risultato del candidato della FPÖ Norbert Hofer nel ballottaggio delle presiden­ziali austriache (maggio 2016), il successo della campagna pro-Brexit guidata dall’UKIP di Nigel Farage, la vittoria di Trump nelle elezioni presidenziali americane del (novembre 2016), l’avanzata elettorale del Movimento 5 Stelle in Italia, hanno consolidato l’idea di una nuova ondata elettorale e riacceso un dibattito sulle ragioni di questo consenso. L’ultimo contributo a questo dibattito è stato portato da , professore di Politica alla Princeton University, con il pamphlet  in Italia pubblicato da Egea. Müller pone domande che non sono mai state così urgenti: Quand’è che una proposta politica può essere chiaramente e inequivocabilmente etichettata come populista? Che cosa accomuna esperienze nate in realtà profondamente diverse? Il populismo avvicina i cittadini a chi governa o è una minaccia per la democrazia? Chi è il popolo? Chi può dire di parlare a suo nome?

Secondo Müller, in accordo con le tesi di , uno tra i più noti studiosi del fenomeno, caratteristica fondamentale del populismo è una concezione moralistica della politica: populistici sarebbero quei partiti che sviluppano programmi e messaggi nei quali il popolo è visto come una entità portatrice di valori positivi e a cui si oppongono élite (politiche, economiche, finanziare) considerate come corrotte. Da qui la cele­brazione delle virtù del popolo laborioso, oppresso dal fisco e sfrut­tato da una oligarchia di burocrati e maneggioni, e l’insistente ricorso alla dicotomia noi contro loro: la gente ordinaria titolare della sovra­nità contro l’oligarchia che se ne è distaccata e ne tradisce le aspet­tative. Da questa premessa consegue un ulteriore elemento fondante: solo una parte del popolo è veramente il popolo, in altre parole, il popolo non è identificabile né con l’intera popolazione, né con la volontà popolare che emerge dallo svolgimento delle procedure elettorali, piuttosto, come ha spiegato un altro importante teorico della democrazia moderna come , per i populisti il vero popolo è prima di tutto una selezione tra il popolo. Non esisterebbe, infatti, populismo senza l’idea della pars pro toto. Ne consegue che il populismo fa riferimento ad un popolo che non coincide né con l’insieme dei cittadini che compongono un ordinamento nazionale, né con il corpo elettorale ovvero i cittadini chiamati a votare ed è qui che si innesta l’aspetto più preoccupante per una democrazia rappresentativa: il rigetto del pluralismo. Da questo punto di vista, infatti, i partiti populisti si mostrano all’interno del confronto politico particolarmente aggressivi, ma al fondo della loro propaga vi è una società a-conflittuale. Il pluralismo presuppone, infatti, differenti interessi che devono essere rappresentati all’interno delle istituzioni, per i partiti populisti l’idea di popolo è omogenea, senza contraddizioni, chi è portatore di interessi differenti non è parte del “noi”, è una minaccia verso l’integrità della comunità, quindi non legittimato ad essere considerato nel dibattito pubblico. Gli interessi differenti  possono essere quelli delle, sempre ricorrenti, élite corrotte, ma anche quelli degli emarginati, dei cittadini di una fede diversa o di un diverso orientamento sessuale. A ciò si aggiunge che i partiti populisti si autodichiarino unici attori politici in grado di armonizzarne gli interessi del popolo alla luce del buonsenso. E’ evidente, quindi, che quella populista è una versione patologica della democrazia liberale che pone, invece, al centro l’individuo e le sue libertà ed è fatta di limiti alla volontà della maggioranza. Ecco che quindi vengono messi in discussione alcuni dei cardini della democrazia liberale: la presunzione di innocenza, la riservatezza delle comunicazioni, la tutela delle minoranze e della diversità, la libertà economica, la cessione di sovranità come antidoto al nazionalismo. Il rifiuto del pluralismo prende aspetti addirittura parossistici prendendo di mira non solo gli avversari politici e i loro cittadini elettori, ma spesso anche i propri attivisti. E’ infatti tipica la ricerca della purezza morale e la conseguente repressione del dissenso interno attraverso massicce espulsioni dei traditori. Scrive ancora Müller: <<Dovrebbe esser chiaro che i populisti, essendo convintamente anti-pluralisti, non possono accettare nulla che riassembli una opposizione legittima. Dichiararsi all’opposizione è come non appartenere>>. Difficilmente, infatti, i membri di una forza populista potrebbero presentarsi come portavoce delle istanze del popolo, se poi dimostrassero di non essere d’accordo tra loro.

Müller porta, a conforto delle sue tesi, una molteplicità di casi tratti dalle più recenti cronache. Ad esempio quando la Brexit trionfò, nel giugno 2016, Donald Trump, Marine Le Pen e Nigel Farage interpretarono la vittoria come il trionfo del popolo vero, come se il 48% di contrari non esistesse. Populista deve essere considerato il presidente turco Erdogan che si rivolge al Paese dicendo: «Noi siamo il popolo. Chi siete voi?». Per poi aggiungere: «Che cosa vuole il mio popolo? La pena di morte», senza averlo mai davvero consultato in merito. O Norbert Hofer, candidato sconfitto alla presidenza della Repubblica austriaca, che apostrofa così il suo avversario: «Voi avete l’alta società dietro di voi, io ho il popolo con me». «Beppe Grillo», scrive Müller, «arriva a dichiarare che il suo movimento, in quanto unico rappresentante del popolo, vuole il cento per cento dei seggi in parlamento in quanto gli altri candidati sono presumibilmente corrotti e immorali». Che cosa accade poi quando i populisti conquistano il potere? Gli esempi snocciolati da Müller fanno impressione. Quando governano, i populisti sono, infatti, impegnati in prima persona nell’occupazione dello Stato, nel clientelismo di massa e nella corruzione, oltre che nella soppressione di qualunque cosa assomigli a una società civile critica. In Ungheria nel 2010, appena arrivato al governo, Victor Orbán cambiò le regole della pubblica amministrazione in modo da poter sistemare persone di fiducia in tutte le posizioni chiave della burocrazia. In Polonia, il partito della Legge e della Giustizia dei fratelli Kaczynski, vinte le elezioni nel 2005, si mosse subito per limitare l’indipendenza della magistratura e mettere il bavaglio alla stampa. Il linguaggio dei due gemelli polacchi era simile a quello utilizzato da Beppe Grillo e da Donald Trump, che ogni giorno attaccano la stampa per minare la fiducia dell’opinione pubblica. Il Partito per la libertà (PVV) dell’olandese di Geert Wilders è un caso ancora più estremo. Wilders controlla tutto: gli eletti in Parlamento sono delegati del partito e vengono scrupolosamente preparati ogni sabato su quello che devono dire e come dovranno presentarsi. In realtà è la stessa tecnica utilizzata da Beppe Grillo, che vorrebbe imporre agli eletti di non rappresentare idee proprie ma solo quelle indicate dal popolo grillino attraverso il Blog. Nell’ultimo capitolo, infine, Müller sostiene come sia essenziale prendere molto sul serio queste prese di posizione e come sia necessario rispondere su ogni punto, smontare certe rappresentazioni della realtà e soprattutto mettere in guardia gli elettori sui pericoli di un’involuzione autoritaria.